IGNAZIO SILONE

0
IGNAZIO SILONE
Ignazio Silone, (Pescina, 1º maggio 1900 – Ginevra, 22 agosto 1978), è stato uno scrittore, giornalista, politico, saggista e drammaturgo italiano. Può annoverarsi tra gli intellettuali italiani più conosciuti e letti in Europa e nel mondo. Il suo romanzo più celebre, Fontamara, emblematico per la denuncia di oppressione e ingiustizia sociale della condizione di povertà, è stato tradotto in innumerevoli lingue. Tra il 1946 e il 1963 ha ricevuto ben dieci candidature al Premio Nobel per la letteratura. Per molti anni esule antifascista all'estero, ha partecipato attivamente e in varie fasi alla vita politica italiana, animando la vita culturale del paese nel dopoguerra; come scrittore è stato spesso osteggiato dalla critica italiana e solo tardivamente riabilitato, mentre all'estero è stato sempre particolarmente apprezzato. (Wikipedia)

IGNAZIO SILONE

Ignazio Silone nacque a Pescina, in provincia dell’Aquila, il 1° maggio 1900, da padre contadino e madre tessitrice. Frequentò il ginnasio nel seminario della diocesi dell’Aquila. A 15 anni, rimasto senza genitori a causa del terremoto, prosegue i suoi studi in un istituto religioso di Reggio Calabria.

I fatti della sua terra, dolorosamente raccontati,  assurgono a insegnamento morale, invitando il lettore a un profondo esame di coscienza. Silone credeva nella funzione di guida dello scrittore in seno alla società. La causa della verità è l’unica vera causa che – secondo Silone – la letteratura debba servire. L’unica cosa che l’abbia veramente interessato, era la condizione dell’uomo nell’ingranaggio della società. Al centro del suo interesse era l’uomo nel suo rapporto con gli altri, con l’ingranaggio. La sua difesa andava sempre verso l’uomo e non verso l’ingranaggio. La sua scrittura era assoluta necessità di testimoniare. Bisogno di liberarsi di un’ossessione. Testimonianza di una verità appresa attraverso l’esperienza di vita.

Nel suo lavoro Silone usava gli strumenti della grande stagione del naturalismo e del verismo. Non gli erano estranei scrittori come Zola o De Roberto.

Sue Opere più celebri:

–         “Fontamara”;

–         “Pane e vino”;

–         Il segreto di Luca”;

–         “L’avventura di un povero cristiano”

©, 2004

 

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome