il politically correct impera
"Fondare biblioteche, è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire." Marguerite Yourcenar
Unus ego et multi in me
Home Amerikana

Amerikana

Hemingway

AMERIKANA è il luogo di un amore e di una separazione. L’amore fu quello di un vecchio europeo Idealista che – durante un dopo cena a “Il Girarrosto” di Corso Venezia con la Fernanda Pivano – decise di tirare lo sciacquone su tutto l’ambaradam europeo e Idealista.

«Vede, caro Di Cesare, la differenza tra la cultura europea e quella americana, è quella che corre tra l’Idealismo e il Pragmatismo.»

Di Cesare rimase allora senza parole. Ma la Fernanda Pivano proseguì e rincarò la dose: «Se uno scrittore americano, deve dire che Jack doveva passare attraverso una porta stretta, non usa questo aggettivo, “stretta”, ma dice, semplicemente: Jack riempì la porta con le sue spalle.»

Di Cesare diede alla Pivano – Fernanda – un racconto che la Pivano gli distrusse pubblicamente, e ad alta voce. Il Di Cesare tornò a casa in lacrime; però, un’ora dopo, si mise alla macchina da scrivere, pestando faticosamente i tasti, finché non tirò fuori il suo primo racconto amerikano. Non era un granché, era un’imitazione pedissequa di Hemingway, ma funzionava. Da allora passarono altri ventidue anni, alla fine dei quali la K amerikana gli uscì dalle dita, irrimediabilmente. Era passato, nel frattempo, attraverso Malcolm Lowry, era passato attraverso Julius Evola, e tutto si ribaltò, nuovamente.

©, 2017

Lawrence Ferlinghetti – notte messicana