DOMENICO REA
Domenico Rea nasce a Nocera-Inferiore nel 1921, e muore a Napoli nel 1994.
Scrittore impegnato nel denunciare le ingiustizie, Rea è comunque rimasto estraneo alla militanza di qualsivoglia partito politico. Personaggio schivo, visse in maniera isolata la sua natura di scrittore attento alle quotidiane ingiustizie.
I suoi scritti sono permeati dagli stessi moti passionali, e irruenti, del suo popolo, il popolo napoletano. Le pulsioni e i soggetti da lui descritti sono elementari, presi dalla strada. La gente che Rea descrive è violenta, passionale, carnevalesca, mossa però da un’umanità irriducibile. Fame e bisogni materiali sono le drammatiche necessità con cui combatte ogni giorno. La lingua adottata da Rea tenta di riprendere la mimica e le movenze del dialetto napoletano, in un ritratto immediato dei più poveri e più umili personaggi presi in diretta dalla vita.
Tra le sue Opere ricordiamo:
– “Spaccanapoli” (1947); “Gesù, fate luce” (1950) Premio Viareggio 1951; “Una vampata di rossore” (1959); “Il re e il lustrascarpe” (1960); “Ninfa plebea” (1993).
©, 2004

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome