VINCENZO CONSOLO
Vincenzo Consolo nasce a S. Agata di Militello il 18 febbraio 1933. Da sempre impegnato in una ricerca della razionalità, che ci possa guidare all’interno del caos, Consolo appartenne al gruppo che, con Italo Calvino, collaborò a “Menabò” negli anni della neoavanguardia e della seconda rivoluzione industriale. Consolo professava e professa nei suoi scritti un “ordine mentale abbastanza solido per contenere il disordine”. Negli anni di “Menabò”, insieme a Vittorini, Consolo assisteva alla trasformazione linguistica dell’Italia, e considerava la possibilità della nascita di una nuova koinè, nata dalla fusione tra i dialetti meridionali e quelli settentrionali.
 Consolo, romanziere e saggista, ha pubblicato svariati volumi, alcuni insigniti di prestigiosi premi:
“Lunaria”, 1985 – Premio Pirandello;
“Retalbo”, 1988 – Premio Grinzane Cavour;
“Nottetempo, casa per casa”, 1992 – Premio Strega;
“L’olivo e l’olivastro”, 1994 – Premio internazionale Unione Latina. I suoi libri sono tradotti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese e rumeno.
©, 2004

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome