Alessandro Vizzino LA ZANZARA DAGLI OCCHI DI VETRO

0
Alessandro Vizzino LA ZANZARA DAGLI OCCHI DI VETRO
Alessandro Vizzino LA ZANZARA DAGLI OCCHI DI VETRO
“Piccola lo era. E ancor più piccola si sentiva, seduta al buio sul letto di quell’angusta stanza dall’odore di muffa. Solo apparentemente libera di muoversi ma in realtà in gabbia. Come una zanzara, pronta a esser schiacciata per un semplice fastidio. O per il gusto del sangue sull’intonaco del muro”. La storia è ambientata in una Roma cupa e opprimente, dove Valentino Mastro – avvilito dalla vita e con un personale senso di giustizia a metà fra l’etica e l’interesse di parte – conduce un’esistenza sul limite della psicopatia. Sarà il ritrovamento del corpo deturpato di una bellissima prostituta moldava e un misterioso sms, che apriranno al protagonista una serie di piste da cui non potrà più prendere le distanze, e, mentre la Polizia indaga sul suo conto, Valentino segue le orme di un importante politico nazionale dal profilo ambiguo. Una storia fosca, che si dipana nei bassifondi più purulenti di Roma, a cavallo fra la capitale e l’Est europeo. Valentino dovrà cavarsela alla meglio tra poliziotti corrotti, zingari e criminali di alto profilo, e fare i conti con traffici finanziari, vedove, prostitute e avanzi di galera, oltre che con la propria storia e, prima ancora, con se stesso. Giungerà a un finale che non si esaurisce con la fine del libro, capace di gettare uno sguardo sul futuro. Alessandro Vizzino LA ZANZARA DAGLI OCCHI DI VETRO

 

©, 2022

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome