Thomas De Quincey Confessioni di un mangiatore d’oppio
Thomas De Quincey
Nato nel 1785, Thomas De Quincey sarebbe stato  destinato ad ispirare Autori come BaudelaireDe Musset, Nerval, Gogol e il musicista Berlioz ne la “Sinfonia Fantastica”.

 

 

Le sue vicissitudini con l’oppio, hanno le proprie radici in una infanzia solitaria, votata alla fantasticheria e al rapporto prematuro con la morte. Questa è una biografia, in effetti, non dissimile da quella di tanti altri geni romantici. Eppure, questa operetta dal titolo così austero, avrebbe varcato i secoli, avrebbe ispirato molti grandi e meno grandi artisti. In sé essa non ha nulla di eccezionale, anzi, a parte un tono che a volte rasenta il comico, per l’assurdità di certe situazioni, è noiosetta. Leggerla, del resto, ci serve ad aprire una finestra su quelle oscure, misteriose lande della psiche umana, che si estendono nel luogo desolato della tossicomania

©, 2011

 

 

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome