ENZO RELA, MARIO RIGONI STERN – L’altipiano – un posto per gli uomini – ASIAGO

0
Mario Rigoni Stern (Asiago, 1º novembre 1921 – Asiago, 16 giugno 2008) è stato un militare e scrittore italiano. Il suo romanzo più noto è Il sergente nella neve (1953), un'autobiografia della ritirata di Russia. Legatissimo alla sua terra, l'altopiano di Asiago, era il discendente dell'ultimo cancelliere della federazione dei Sette Comuni. Primo Levi lo definì "uno dei più grandi scrittori italiani". (Wikipedia)

ENZO RELA, MARIO RIGONI STERN

“L’altipiano – un posto per gli uomini”

Priuli & Verlucca, 2005

Il titolo è esemplificativo di un testo – corredato di bellissime immagini – che parla di una dimensione che non ha dimenticato il trascorrere pacato dell’esistenza, secondo i ritmi lenti della natura e del vivere contadino.

Qui Mario Rigoni Stern prosegue il suo discorso di sempre, già iniziato col “Sergente nella neve”, la via del ritorno dopo la terribile disfatta in Russia, il ritrovare il clima fraterno e secolare dell’altipiano di Asiago, la famiglia, la terra, gli UOMINI.

Il testo di questo libro esprime la stessa lentezza del vivere sull’altipiano, conserva nella sua prosa ben cadenzata la liricità della natura, sembrerebbe essere proprio scandito dal camminare in un bosco, passione che Stern non tralascia mai di descrivere nei sui bellissimi, toccanti libri.

L’aspetto iconografico di questo testo è molto curato, sia nella scelta delle fotografie che nella stessa impaginazione, qualità divenuta molto rara di questi tempi.

Le immagini raccontano un vivere fatto di cose semplici, che derivano dal contatto profondo con la terra, e da una netta identificazione degli abitanti col loro territorio. Non è semplice, in tempi fatti di non luoghi, il narrare di un luogo così fortemente caratterizzato, pena passare per retrogradi. Si tratta di una scelta coraggiosa e per chi ha scritto il libro, e per chi l’ha pubblicato. Non finiranno mai di sorgere Mc Donald’s, tuttavia si spera vi siano sempre voci alte nella letteratura e nell’arte, che ci facciano ricordare da dove veniamo, chi siamo e, forse, dove andiamo.

©, 2007

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome