“Diventare invisibili – Strategie per sparire fisicamente, virtualmente e fiscalmente. Come mettere al sicuro i propri averi e salvarsi dalle ingiustizie del Sistema”
Autore: Francesco Narmenni
Edizioni: Il Punto di incontro
Pagine totali: 237
«Pur comportandoci sempre in modo onesto potremmo ritrovarci coinvolti in innumerevoli situazioni […]. Fortunatamente per ogni problema esiste una via di fuga che si concretizza quasi sempre nell’agire preventivamente, anche imparando a muoversi nelle zone d’ombra […]. Ecco allora spiegato il senso profondo di questo testo e perché ritengo che ogni persona che abbia a cuore la propria libertà dovrebbe apprenderne il contenuto.»
Si concretizza in queste tre frasi estrapolate dalla narrazione iniziale il libro “Diventare invisibili – Strategie per sparire fisicamente, virtualmente e fiscalmente. Come mettere al sicuro i propri averi e salvarsi dalle ingiustizie del Sistema” di Francesco Narmenni.
Difesa. Azioni preventive. Autoprotezione. Conoscenza. Strategie. Queste le parole chiave di quello che può intendersi come un manuale di sopravvivenza, perché insegna come muoversi, e come difendersi, all’interno del Sistema (citato come entità astratta, senza complottismi) che ci contiene tutti.
Diviso in agili capitoli, alcuni assolutamente da rileggere, approfondire o addirittura imparare a memoria, il volume parte da quelli che sono i diritti fondamentali del singolo, per sviluppare un percorso possibile e auspicabile, che trasforma le informazioni condivise in azioni di autotutela.
Dove sono contenuti i nostri dati sensibili e come sono diffusi in rete, cosa possono farci le autorità e i poteri forti (interessantissima la parte sulla presunzione di evasione), come riescono a limitare la nostra libertà e l’uso del denaro, come possono espropriarci o pignorarci beni di ogni tipo o obbligarci a pagare debiti che non ci apparterrebbero, l’ambito di azione in cui possono negarci risarcimenti e trascinarci in tribunale per costringerci a dimostrare l’indimostrabile.
Una carrellata di informazioni, agilmente tecniche, che illustra il livello di controllo a cui siamo assoggettati precede il vero “cuore” del progetto, ovvero la parte più manualistica, dove si racconta come diventare all’occorrenza, o per preciso progetto di vita, (quasi) invisibili.
In omaggio, Warhol ha prodotto le sue interpretazioni (serigrafate) di ‘The Disquieting Muses’ nel 1982: ‘The Disquieting Muses (After de Chirico)‘.

 

L’autore, che ha già illustrato in altri libri delle scelte radicali, come in “Ricco solo risparmiando” e “Smettere di lavorare” ci insegna così come sparire virtualmente, fisicamente e fiscalmente, come comunicare in modo anonimo, come spostarci senza farci tracciare, come difendere il nostro patrimonio e i nostri immobili, in una vera e propria trattazione delle possibilità di fuga che abbiamo a disposizione.
In chiusura, il piano d’azione per rendersi invisibili ci ricorda che «la vera libertà non consiste nel fare ciò che si desidera, quanto nel non essere sottomessi a quella altrui. Questo è il grado di consapevolezza individuale che spero abbiate appreso attraverso il testo appena letto e che volge ora al termine.»
E se Esopo e le sue favole ci ricordano di non cedere alle false credenze, Francesco Narmenni ci ammonisce per farci comprendere nel profondo come solo la conoscenza ci renda davvero liberi.
©, 2023
questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.
Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome