SAPERE SCRIVERE (E POETARE) D’AMORE

0

SAPERE  SCRIVERE  (E POETARE)  D’AMORE

Sarò presuntuoso, ma mi prendo il merito di avere scoperto Silvia Signorelli, o almeno, di averla  incoraggiata a pubblicare le sue poesie: e non mi succede frequentemente. Debbo dire che, avendo diretto in gioventù, per nove anni,  una rivista culturale, da allora mi è rimasta una grande diffidenza  verso poeti e poetucoli, spesso bravi a cogliere come spugne i tic e gli stili del momento, ma senza alcuna originalità. Inoltre, a costo di dire una cosa  politically uncorrect, la mia diffidenza è ancora maggiore per le poetesse, spesso troppo sentimentali o impudicamente erotiche: la poesia come diario adolescenziale o come sfogo sostitutivo dallo psicoterapeuta.

Ben diverso è il caso di Silvia Signorelli. E’ pur vero che  l’autrice sostiene che per lei scrivere è manifestazione di affettività, “come un movimento di apertura e di amore”,  anziché lavoro letterario. E anche il prestigioso prefatore, Meeten Nasr, premio Montale 1998, scrive di lei “poetare dunque come fosse amare, procedere da sé verso l’altro”.  Ma, fortunatamente, una cosa sono le poetiche, e altro è la poesia. Che in questa prima raccolta della Signorelli non manca certamente, sia nella musicalità dei versi sia nelle immagini, spesso originali e vivissime. “amo la tua voce / color d’autunno / umido di foglie”, “nel tepore della casa /  pattinano i desideri”, “da un ventre caldo / di terra e di luce”. Nel suo linguaggio ricorrono spesso parole come scintillante, luminoso, melodioso, odore e odoroso, che contribuiscono al senso gioioso che scorre attraverso tutta la raccolta, e perfino certe notazioni di malinconia si perdono nella gioia d’amore.

Ma sono apprezzabili anche le notazioni realistiche con l’attenzione, positivamente femminile, alla quotidianità, come “una striscia di jeans le cuciture / apparentemente immobili / i piedi a terra giù / nelle scarpe marroni da contadino”. E l’erotismo ha espressioni originali: anche se adopera un’immagine abusata come la lancia, sa trasformarla in un gioco di fantasia:  “la tua lancia / è il ramo fiorito / che sparge il profumo / dei fiori che hai in mente / di regalarmi”.  E come non apprezzare, quasi un volo pindarico, “e la schiena di Dio / è china su di me”, oppure il narcisismo femminile che si fa quasi panteismo in “di rosso / e di rosa vestita / sfreccio per strada / il passo fiero / sui tacchi / per volontà divina”.

SILVIA SIGNORELLI, La tua voce sonora, Tu voz sonora, prefazione di Meeten Nasr, postfazione di Rolando Toro; traduzioni in castigliano a fronte, ad opera di Maria José Fabregar e Lucia Rosa.

Edizioni Joker, Novi Ligure

 

©, 2009

Kugluf

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome