Nonostante la Nuvola Nera andrà tutto bene si spera

0
Nonostante la Nuvola Nera andrà tutto bene si spera

Nonostante la Nuvola Nera andrà tutto bene si spera

La Nuvola Nera è un vecchio romanzo di Fred Hoyle che ai mei tempi ci facevano leggere alle Scuole Medie.

Nonostante la Nuvola Nera andrà tutto bene si spera
Fred Hoyle – La nuvola nera

La nuvola nera è un romanzo di fantascienza apocalittica scritto dall’astronomo e cosmologo britannico sir Fred Hoyle, pubblicato nel 1957 e tradotto in italiano l’anno successivo. Il romanzo ipotizza l’arrivo nel sistema solare di una enorme nube interstellare di gas, che frapponendosi fra il Sole e la Terra e bloccando luce e radiazioni solari minaccia di causare l’estinzione della vita sulla Terra. (Wikipedia).

Era una metafora, che gli insegnanti davano in pasto alle nuove generazioni perché si abituassero a un concetto del tipo, siamo qui sulla Terra, su questa sorta di condominio planetario, e dobbiamo abituarci alla precarietà e ai cataclismi, alle guerre e alle minacce più disparate.

Nuove nuvole nere si addensano sul pianeta. Tempeste finanziarie soprattutto.

Lo affermano anche sul piano cosmico ed astrale non solo alcuni analisti finanziari “censurati” dai principali mass media, lo stesso “indizio” emerge dalle Mappe Astrali del famoso astrologo francese André Barbault.

Egli è il primo ad aver scoperto la correlazione tra cicli planetari e profondi cambiamenti nelle società e civiltà mondiali.

C’è chi ipotizza, sulla base di “tracce” finanziarie correlate con quelle profetiche ed astrali, un grande crollo economico in arrivo nei prossimi anni.

Ma non dobbiamo preoccuparci – si fa per dire… – questi guru e capoccioni della spiritual-finanza dicono, anzi, affermano con sicurezza che ciò rientra in un percorso evolutivo che l’umanità affronterà fino al 2080. Se è un processo evolutivo, allora, non dobbiamo preoccuparci? Andrà tutto bene, come dicono sempre nei film americani dove succede ogni tipo di catastrofe e disgrazia?

Dicono anche che, dopo, prenderà forma un mondo migliore…

Una teoria consolatoria aleggia nel web e sui giornali, quella del Grande Reset, Dal Grande Lockdown alla Grande Trasformazione”, è il documento firmato da Kristalina Georgieva, che si esprimeva in termini sostanzialmente entusiastici in merito alle misure di blocco totale dell’economia e di libertà di movimento delle persone. Il lokdown totale, per la Georgieva, ha aperto a diverse “opportunità”, ovvero, alla trasformazione digitale” e alla transizione ecologica, coronamento della “Grande Trasformazione”.

Che sia una Nuvola Verde, anzi, Green, quella che si sta addensando sull’Europa e sul Mondo, e non Nera? beh… speriamo, il Verde è Speranza…

Non male, sembra l’immagine di un buon prodotto da supermercato, un bel Mondo Green appena sfornato dal panificio Lock&Down – prodotti naturali e bio e kilometro zero per il tuo benessere…

 

Una narrazione positiva dei lockdown, che avremmo preferito non sentire, di cui avremmo volentieri fatto a meno… quando i buoi sono scappati, c’é qualcuno che dice che tanto la porta della stalla era vecchia, e andava cambiata… intanto i buoi sono scappati, e sono anche morti…

Quanti di Noi, prima del Grande Reset, possono dire di avere avuto una vera Coscienza Ecologica? pardon… Green… di avere avuto a mente che il proprio stile di vita era insano, deplorevole, che stava facendo ammalare il pianeta e le persone, che questo che quello che che che? Quanti di Noi, senza la Pandemia, sarebbero stati disposti a diventare improvvisamente e coscienziosamente Green, invece di continuare a produrre e mangiare allegramente merda? … una merda che – stile di vita sfrenato sbadato e consumistico a tutti i livelli compreso – ci piaceva un mondo, e che ora tanto allegramente e inconsapevolmente, sull’onda dell’emotività e delle mode IMPOSTE DALL’ALTO dal POTERE FINANZIARIO GLOBALE, bistrattiamo? Bastano le parole – diciamocelo pure, ipocrite – di qualche illuminato demagogo mondialista arroccato nei piani alti della Finanza per farci sbattere nel Cesso cinquant’anni di Gioioso Spensierato Scriteriato e Appagante Consumismo che gli stessi – loro, quelli che oggi parlano di Grande Reset – ci avevano imposto? Un Consumismo che ci ha condizionati e plagiati sin nelle cellule e nel DNA e nella nostra stessa Identità e Coscienza Psichica e Morale? Siamo disposti a buttare così spensieratamente nel WC tutta la Nostra identità Occidentale?

Siamo diventati tutti improvvisamente così Buoni, Assennati, Saggi, Generosi? Spirituali? Ascetici?

Cosa ci stanno propinando questa volta?

… la Pillola Green per farci sopportare meglio che l’abbiamo preso nel culo.

@@@

La suppostina è una narrazione mondialista che tesse le virtù del disastro, quella che le istituzioni della galassia mondialista e anglofona definiscono “Grande Reset” o “Grande Trasformazione”, ovvero, sfruttare l'”opportunità” concessa dalla Pandemia per “resettare” il modello economico, sostituendolo con quello che è stato definito “Green New Deal”.

‘stikazzi…

Il concetto ci proviene da un uomo dal Cuore d’oro, dalle grandi vedute e sentimenti, l’economista Klaus Schwaab.

Il “Grande Reset” immaginato dall’élite globalista e mondialista ha visto una serie di appelli appassionati da parte di leader del FMI, della Banca Mondiale, del Regno Unito, degli Stati Uniti, dell’industria e della finanza occidentale al fine di sfruttare l’”opportunità” concessa dalla pandemia. 

concessa dalla Pandemia… ‘stikazzi, la Pandemia ci ha fatto un grande favore, anzi, un immenso regalo!

La discussione intorno al concetto di “Grande Reset” lanciato da Schwaab & Soci, fa riferimento ai concetti espressi dallo stesso Schwaab in un libro intitolato “Covid-19: The Great Reset”, scritto insieme al direttore del Global Risk Network Thierry Malleret. In una recensione al saggio, Peter Koenig sostiene che Schwaab e Malleret “ammettono, quasi con una certa soddisfazione, che milioni di posti di lavoro andranno persi e continueranno ad essere eviscerati a velocità mozzafiato, e che milioni di piccole e medie imprese se ne andranno per sempre, che solo poche sopravvivranno, ovvero i conglomerati globalizzati”. 

Peter Koenig: è una crisi voluta e creata…
The COVID-19 Lockdown: Impatti economici e sociali.
La verità non detta è che il romanzo coronavirus fornisce un pretesto ai potenti interessi finanziari e ai politici corrotti per innescare nel mondo intero una spirale di disoccupazione di massa, bancarotta, povertà estrema e disperazione.

©, 2021

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome