In questi giorni ha fatto scalpore la vicenda del giudice Piero Gamacchio

0
In questi giorni ha fatto scalpore la vicenda del giudice Piero Gamacchio

In questi giorni ha fatto scalpore la vicenda del giudice Piero Gamacchio

 

In questi giorni ha fatto scalpore la vicenda del giudice Piero Gamacchio del Tribunale di Milano che ha accumulato debiti per svariate decine di migliaia di euro. L’anziano magistrato si è messo (o è stato costretto) in aspettativa sino alla pensione, ma il problema è retroattivo: le finanze in rosso profondo del giudice Gamacchio lo espongono al sospetto di essere stato ricattabile o quanto meno non del tutto concentrato sul suo lavoro in tutti questi suoi anni di servizio. Le sue sentenze, almeno le più recenti, andrebbero tutte riesaminate attentamente da ispettori del Ministero di Grazia e Giustizia; ma siamo in Italia e sappiamo che non accadrà, o quanto meno non accadrà con la necessaria attenzione.

Un altro aspetto tutto italiano è che, per costringere il giudice indebitato alle dimissioni, sia stato necessario l’intervento del giornalista Gianluigi Nuzzi, altrimenti la carriera del povero (in senso finanziario del termine) Gamacchio, si sarebbe trascinata per anni tra debiti e insoluti.

Gamacchio era tutto sommato un buon giudice, ce ne sono e ce ne sono stati di molto peggiori. Lo so per esperienza, perché la mia agenzia investigativa Octopus collabora con molti studi legali e assisto spesso alle angherie cui sono costretti gli avvocati italiani a causa delle stravaganze e prepotenze dei magistrati.

©, 2021

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome