Il primo morto da monopattino a Milano

0
Il primo morto da monopattino a Milano

 

Il primo morto da monopattino a Milano:

per prevederlo non occorreva il parere di chissà quali CTS,

bastava chiedere a un investigatore privato specializzato in sinistri stradali

 

L’altro giorno c’è stato il primo morto da monopattino a Milano. I terroristi del covid-19 saranno lieti di sapere che, in un certo senso, è un decesso correlato alla pandemia di coronavirus, perché questa moda dei monopattini e delle piste ciclabili tracciate alla membro di canide è un effetto collaterale del virus che ci affligge.

A parte la mania di tracciare piste ciclabili ovunque e senza criterio, non occorreva il parere di chissà quale CTS, bastava chiedere a un investigatore privato specializzato in sinistri stradali, per capire che il monopattino non è un mezzo per tutti e avrebbe dovuto essere regolato con più responsabile attenzione. La mia agenzia investigativa Octopus si occupa prevalentemente di grandi sinistri, ma non è necessario essere specializzati in sinistri stradali per intuire che nel “monopattinista” la coesistenza di velocità e postura eretta costituiscono una corsia preferenziale al reparto di ortopedia o peggio. Infatti si parla di circa 300 incidenti gravi negli ultimi 6 mesi.

L’emergenza monopattini l’hanno creata i nostri politici e amministratori che oramai a qualsiasi livello, locale o nazionale, non governano più con lungimirante saggezza, ma rotolano a vista sull’onda del consenso e della loro indolenza con la stessa irresponsabilità di certi ragazzini sugli skate board.

©, 2021

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome