LA TELEVISIONE SI E’ EVOLUTA

0

LA TELEVISIONE SI E’ EVOLUTA

(articolo storico del 2008)

Vecchi tubi catodici e cristalli liquidi lasceranno il posto agli schermi flessibili, arrotolabili come giornali.

Il guru Negroponte l’ha vista giusta; le sue “allucinazioni” si stanno avverando.

L’informazione, oggi su carta, su televisione e su Internet, raggiunge milioni di utenti. Domani, o magari dopodomani, potremo scaricare il nostro giornale all’edicola on-line sotto casa, su un supporto flessibile e perfettamente impermeabile, da arrotolare e mettere sottobraccio, e da aprire in tram o in metrò, con alta definizione, a colori, e magari col sonoro.

Philips: è al via la sperimentazione di nuovi schermi flessibili.

All’avanguardia nel settore telecomunicazioni, la Philips sembrerebbe in grado di produrre fin da ora display flessibili e leggerissimi, sulla base di ricerche approfondite sulla natura dei polimeri.

Ciò cambierebbe a 360 gradi la natura di libri, quotidiani, riviste. Cambierebbe le nostre vite e le vite degli operatori di rete mobile, dando loro un forte fattore di sviluppo.

Vestiti intessuti di microprocessori, piccoli schermi videoterminali incastonati negli occhiali, nei bottoni, pc infilati nella tasca della giacca, questo è il futuro/presente che già ci circonda, anche se non ce ne rendiamo conto, sostiene Negroponte. Il futuro è già fra di noi, è entrato nelle nostre case, nelle nostre automobili, nel nostro quotidiano stile di vita.

11/2/2008

Andrea Di Cesare

©, 2008

Politecnico di Torino – Progetto Polymath

Il futuro secondo Nicholas Negroponte: «Impareremo il francese ingoiando una pillola»

Parla l’uomo che ha inventato il touchscreen e predetto le più importanti rivoluzioni tecnologiche degli ultimi anni: «Le cose difficili da immaginare succedono». Le prossime? Lo sviluppo della biomeccatronica e la conoscenza che si acquisisce senza l’uso degli occhi

2 marzo 2018

Quando Nicholas Negroponte inventò il touchscreen (anni ’70), la stampa lo sommerse di critiche. Più o meno la stessa cosa accadde negli anni ’90, quando predisse che presto “avremmo comprato i libri direttamente da internet”. È per questo che quando qualcuno gli dà torto, Negroponte sorride e lo aspetta al varco qualche decennio dopo. Ed è per lo stesso motivo che, quando dice cose come “Impareremo il francese ingoiando una pillola”, vale la pena sospendere l’incredulità e starlo a sentire.

74 anni, cofondatore del MIT Media Lab e suo direttore per 20 anni, è stato ospite questo autunno al World Business Forum di Milano, dove ha tenuto un discorso che riassume efficacemente il percorso del proprio lavoro e gli obiettivi futuri, che senza timore di iperbole riguardano niente meno che “il futuro del mondo”. «Al Mit facciano cose che non sono ancora sul mercato e che sembrano ridicole – racconta -. Oggi tutti parlano di AI e machine learning, noi nei nostri laboratori la studiamo dai primi anni cinquanta». E infatti oggi la sua ossessione è il biotech, che «è il nuovo digitale». Soprattutto la biomeccatronica, cioè la tecnologia cibernetica usata per riprodurre e migliorare le capacità fisiche degli organismi viventi. Ed eccoci alla pillola per imparare il francese.

«Joseph Jacobson, l’uomo che al Mit Media Lab ha inventato l’e-ink (l’inchiostro elettronico degli e-book), ora studia come inviare al cervello intelligenza artificiale concentrata attraverso delle pillole (sì, quelle che prendiamo per farci passare il mal di testa). Si cercano modi per interagire direttamente con i neuroni, di arrivare al cervello dall’interno, e non attraverso gli occhi, che sono uno strumento ormai deteriorato».

Si cercano modi per interagire direttamente con i neuroni, di arrivare al cervello dall’interno, e non attraverso gli occhi, che sono uno strumento ormai deteriorato.

Nicholas Negroponte

Chiaramente è consapevole della portata dell’affermazione: «Fa ridere, lo so, ma pensate se negli anni ’90 vi avessero chiesto di pensare a un mondo senza CD e senza videoregistratore, o senza negozi, uffici e periferiche», come sta effettivamente accadendo. «Immaginate un mondo senza nazioni, fatto solo di città, con una sola lingua. Le cose difficili da immaginare succedono. Ho chiesto ai miei studenti del Mit chi avesse intenzione di comprare un’auto. Nessuno ha alzato la mano. Negli anni Sessanta tutti volevano l’auto: era libertà».

E gli obiettivi più importanti di Negroponte sono in linea proprio con queste visioni di portata globale: educazione e accesso gratuito a internet per tutti nel mondo. Per lui «i bambini sono la nostra risorsa naturale più preziosa» e immagina una “Mathland” in cui i piccoli di sei anni imparano il coding, «non per trovare lavoro, ma perché la programmazione insegna a pensare, o meglio, fa pensare a come funziona il pensiero».

Infine, l’obiettivo più grande: la connettività, che secondo lui dovrebbe essere un diritto umano», e come tale, gratuito e garantito da un ente svincolato dalle singole nazioni. «È un progetto da 10 miliardi di dollari, non da 450 miliardi, ossia quanto tutte le industrie mondiali spenderanno nei prossimi cinque anni per le infrastrutture nel mondo». Insomma: si può fare. Parola di chi nel futuro c’è stato.

vai alla fonte

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome