LA CAMELIA – LA NAZIONE DELLE PIANTE – ANGELA BORGHESI

0
la nazione delle piante - serie diretta da Stefano Mancuso

(ANSA) – ROMA, 21 DIC – LA CAMELIA – LA NAZIONE DELLE PIANTE – ANGELA BORGHESI – (EDITORI LATERZA , PP 179, 16 EURO) – Marcel Proust “Non poteva che regalar camelie e metterle all’occhiello, come allora s’usava: una moda che aveva scalzato garofano e gardenia e, per lui che soffriva d’asma, quanto mai opportuna. Sto parlando del narratore – il Je della Recherche – che come l’autore, Marcel Proust, era spesso soffocato dagli attacchi del male”. “Gabrielle Bonheur Chanel (1883-1971), meglio nota come Coco, portò per la prima volta in passerella abiti con broches di candide camelie di chiffon. Il modello era la Camellia japonica Alba plena, i cui petali sovrapposti possono persino averle suggerito il logo della doppia C incrociata. Divenne il simbolo della maison Chanel solo nel 1959 ma da quella prima apparizione, mai più sparì dalle sfilate del marchio”.
Marcel Proust e Coco Chanel sono solo due delle grandi figure della letteratura e della moda, tra i tanti citati dall’autrice del volume La camelia – La nazione delle piante (Editori Laterza, pp 179, 16 euro), Angela Borghesi, docente di Letteratura Italiana contemporanea all’Università di Milano Bicocca (…).

Jacques Émile Blanche
Ritratto di Marcel Proust
1892
Parigi, Musée d’Orsay

Gabrielle Chanel

 

leggi tutto

 

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome