DEEP FAKE – racconto

0

DEEP FAKE

 

Quando Corrado ebbe accesso al data base, scoprì che Marina stava girando dei video in controtendenza con le linee della Cellula cui apparteneva. La cosa non lo convinse. Era venuto al corrente del Progetto Globale Deep Fake. In grado di sconvolgere definitivamente sul Globo ogni criterio di Vero e Falso.

Il video doveva essere il frutto di un lavoro fatto sfruttando le reti neurali di FaceApp. Il realizzatore del video non si era reso conto che Marina aveva un piccolo neo a forma di cuore su una natica. E la donna del video, quel neo non ce l’aveva. In più, la luce che si diffondeva sulla città – un pezzo di cartello stradale indicava la Statale che unisce Forlì a Bologna, e il paese, o la città, erano state riprese col sole a perpendicolo, segno che era l’una del pomeriggio ora di esecuzione del video – non era quella indicata nel meta dato, che era stato modificato e ritardato di tre ore.

Cosa volevano fare con quel video? Che utilizzo volevano fare del volto di Marina, collocato sul corpo di una porno attrice da strada?

Forse si trattava solo di un video pilota. O di un semplice esercizio, tanto per spianare la strada ad azioni più gravi, penetranti e lesive. L’Organizzazione cui appartenevano, ne doveva subire una decisiva amputazione della propria credibilità. Da chi erano pagati? Dove era localizzato il Server contenente quel video?

 

©, 2019

 

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome