PUNTOEACAPO APRE UNA RETE DI TUTELE DEI GIORNALISTI

0

PUNTOEACAPO APRE UNA RETE DI TUTELE DEI GIORNALISTI
PUNTOEACAPO APRE UNA RETE DI TUTELE DEI GIORNALISTI. L’11 MAGGIO CONVEGNO ALL’ORDINE NAZIONALE. Una rete di tutele per i giornalisti a condizioni certe e conosciute dall’inizio. Una rete per proteggere giornalisti attivi, pensionati, disoccupati, sottopagati. E’ l’iniziativa di Puntoeacapo che sarà presentata lunedì 11 maggio alle 10,30 nella sede dell’Ordine nazionale dei giornalisti in via Parigi 11, a Roma.

 

Roma, 8 maggio 2015. Una rete di tutele per i giornalisti a condizioni certe e conosciute dall’inizio. Una rete per proteggere giornalisti attivi, pensionati, disoccupati, sottopagati.  E’ l’iniziativa di Puntoeacapo che sarà presentata lunedì 11 maggio alle 10,30 nella sede dell’Ordine nazionale dei giornalisti in via Parigi 11, a Roma. Una iniziativa senza precedenti nel mondo del giornalismo organizzato, caratterizzato da una crisi che ha visto spazzare in pochi anni tutele fondamentali nel campo del lavoro subordinato e della libera professione. Accanto alla caduta dei diritti, c’è una professione sotto tiro nei luoghi tradizionali della criminalità organizzata ma anche in terre e città ritenute finora immuni dalle mafie.

 

Ne parleranno l’11 maggio in un convegno intitolato “Giornalisti, Punto e a capo!” il presidente dell’Ordine nazionale Enzo Iacopino, l’avvocato del lavoro Carlo Guglielmi, l’avvocato penalista esperta in diritto dei media Giovanna Corrias Lucente, il vice presidente della Commissione Antimafia Claudio Fava. La relazione di apertura sarà del portavoce di Puntoeacapo Carlo Chianura. Presiede il viceportavoce della nostra associazione Mario Antolini. Sono stati invitati al convegno il presidente dell’Inpgi Andrea Camporese e il presidente della Casagit Daniele Cerrato. L’invito è esteso a tutti i giornalisti e ai Cdr, a prescindere dalla appartenenza a componenti sindacali o dall’iscrizione ad associazioni stampa.

 

Stati di crisi indiscriminati, pensioni sotto attacco, diritti negati come quello all’ex fissa, una intera generazione di professionisti pagati pochi euro a pezzo e destinati al precariato, editori che calpestano quotidianamente i diritti di collaboratori e corrispondenti. E’ il mondo del giornalismo come siamo ormai abituati a vederlo nell’ultimo decennio, soprattutto a causa di un sindacato unico che ha abdicato al proprio ruolo.

 

“Puntoeacapo”, afferma Chianura, “intende offrire concretamente in base al proprio statuto appena approvato un sostegno alla libertà di informazione e alla professione giornalistica, attraverso la tutela della rappresentanza, della difesa e della promozione dei diritti economici, sociali, professionali, sindacali e culturali dei giornalisti”.

 

La prima applicazione consisterà nella offerta di supporti per la tutela legale e professionale, per la consulenza retributiva, previdenziale e fiscale.

 

P.S. I particolari della rete di tutela saranno resi noti l’11 maggio dalle 10,30 in via Parigi 11, Roma, sede dell’Ordine nazionale dei giornalisti. Ecco qui sotto il programma. Vi aspettiamo!

 

LUNEDÌ 11 MAGGIO 2015 ORE 10,30 – SALA OCERA, ORDINE NAZIONALE DEI GIORNALISTI, VIA PARIGI 11, ROMA.

 

Contrattazione sempre più al ribasso, precariato, prepensionamenti coatti, pensioni sotto tiro, impoverimento diffuso, continui ricatti occupazionali, risarcitori e malavitosi. 

 

GIORNALISTI, PUNTO E A CAPO! Cambiare si può. Insieme.

 

RELAZIONE DI APERTURA

 

Carlo Chianura (portavoce di Puntoeacapo): “perché serve una libera e democratica associazione di giornalisti”

 

 

RELAZIONI

 

Avvocato Carlo Guglielmi (presidente del Forum Diritti Lavoro):“tecniche di difesa del lavoro dei giornalisti”

 

 

Avvocato Giovanna Corrias Lucente (esperta in diritto penale dei media): “strumenti contro l’abuso della querela per diffamazione: cosa c’è già e cosa ancora manca”

 

 

Onorevole Claudio Fava (vicepresidente della Commissione Antimafia): “l’attacco dei poteri criminali all’informazione”

 

 

INTERVENTO CONCLUSIVO – Enzo Iacopino (presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti) “sfruttamento del lavoro giornalistico, le armi dell’etica e della dignità”

 

 

Presiede Mario Antolini (vice portavoce di Puntoeacapo)

 

 

Sono stati invitati: Andrea Camporese (Presidente Inpgi) e Daniele Cerrato (Presidente Casagit)

 

 

PER INFO: E.MAIL  contatti@puntoeacapo.mjhost.org

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome