Gilbert Keith Chesterton e i Paradossi di Mr. Pond

0
Gilbert Keith Chesterton, a volte citato come G.K. Chesterton (Londra, 29 maggio 1874 – Beaconsfield, 14 giugno 1936), è stato uno scrittore, giornalista e aforista britannico. Scrittore estremamente prolifico e versatile, scrisse un centinaio di libri, contributi per altri duecento, centinaia di poesie, un poema epico, cinque drammi, cinque romanzi e circa duecento racconti, tra cui la popolare serie con protagonista la figura di padre Brown. Fu autore inoltre di più di quattromila saggi per giornali. Amò molto il paradosso e la polemica, contribuendo inoltre alla teoria economica del distributismo. (Wikipedia)

Gilbert Keith Chesterton e i Paradossi di Mr. Pond

 

Interessante, in Chesterton, la scelta, per uno dei suoi celebri personaggi investigativi, del nome “Pond” che, in lingua inglese, significa “stagno”. 

Mister Pond è un ometto dall’aspetto mite, abbastanza anonimo, è il ritratto dell’uomo comune. E’ l’apoteosi dell’anti-romanticismo, che Chesterton ha rappresentato, con le sue storie decisamente “prosaiche”, qualunque, attraversate da un senso comune del vivere e dell’agire umani, che anticipano gli scenari moderni di una vita passata negli uffici, in quella che sarà presto la civiltà del profitto.  

Interessante la scelta di questo nome, che significa “stagno”. Lo stagno, dall’acqua immobile, è uno specchio che riflette il cielo come una moneta d’argento, i rami degli alberi, i cespugli; eppure, la sua superficie nasconde l’abisso infinito fatto di mostri. Basta una increspatura dell’acqua, dovuta al moto di un pesce o di una rana, che ci si immagina qualche grottesco “essere” innominabile abitatore di queste acque ferme.

Così, Mr. Pond, dal volto mite, liscio, inespressivo, proprio come uno stagno, a volte assumeva espressioni folli, per pochi attimi, quando pensava a una delle mostruosità umane con cui si incontrava nelle proprie indagini, e dava la misura di quanto possa esserci di dionisiaco, di mostruoso, di sublime, anche in un ometto mite, inespressivo, dall’aspetto così anonimo da chiamarsi Mr. Pond.

 


©, 2011

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome