Heinrich Steinkötter – La montagna del vecchio Heinz

0
Heinrich Steinkötter La montagna del vecchio Heinz Curcu & Genovese 2006

Heinrich Steinkötter La montagna del vecchio Heinz Curcu & Genovese 2006

Il titolo di questo libro è già di per sé molto significativo: “La montagna”, una maniera di definire l’argomento secondo una terminologia netta e precisa, che non lascia dubbi, né cose al di fuori di questo confine, all’interno del quale possono a loro volta rientrare tutte le cose di una vita vissute per e con la montagna, secondo la filosofia del Vecchio Heinz. Nel concetto di “montagna” rientrano, ad esempio, le pagine dedicate all’infanzia bellica nella città tedesca di Colonia, raccontate con immensa saggezza, sguardo lucido e tanta pietà per il dolore degli uomini. La storia inizia sotto le bombe, e prosegue sotto le scariche di ghiaccio della Nord del “Re” Ortles.

Gran Zebrù
Ortles

 

Ma, se le prime sono il simbolo dell’umana distruttività, le seconde, invece, esprimono il dovuto rispetto che l’Autore ha per la vita, e quindi per la morte, che gli suggerisce di non impegnarsi su una via di ghiaccio, se le condizioni meteorologiche non lo consentono. Il libro inizia sotto le bombe, e prosegue con un corollario di aneddoti presi dalla lunga vita di Heinz, fonte di saggezza che ne fa un esempio per molti, soprattutto per coloro che vogliono andare in montagna di fretta, assumendo nei confronti di questa “compagna da accarezzare” e rispettare un atteggiamento di forza, di predominio. Questo libro vorrebbe – e a mio avviso ci riesce – conquistare, prima di una vetta, il cuore degli uomini, con la sua grande, enorme lezione di umiltà. Heinz è uomo di fede. E lo si sente. Non tanto perché si fa il segno della croce prima di affrontare una salita, che potrebbe sembrare semplice atto scaramantico, ma per profonda vocazione, umana prima ancora che cristiana. Heinz non pensa al dopo; quando scala una grande montagna, non pensa, come altre famose star dell’alpinismo, alla notizia che potrebbero darne i giornali. Pensa solo a scalare, e a scalare in onestà, in sicurezza, non ammettendo la spericolatezza di certuni, e l’esibizionismo di cert’altri.

La Montagna del Vecchio Heinz è una compagna di vita, anche quando troviamo Heinz in compagnia della moglie, o di un bambino , o di un amico, anche quando Heinz parla degli aquiloni, quando non scala, perché la montagna è con lui, è dentro di lui, mite, sempre amica, anche se la montagna a volte uccide. Anche quando uccide, la montagna non finisce di essere amica. E qui sta la differenza con le bombe che cadono dagli aerei e radono al suolo le città, con cui si apre il libro. Il libro si potrebbe anche intitolare “L’amica del Vecchio Heinz”. Quanti alpinisti, mi chiedo, sono veramente amici della loro amica? Quanti alpinisti non tradiscono la montagna che non li tradisce? La risposta sta nella quantità di amore che un alpinista, e un essere umano, in genere, sanno mettere in un rapporto, con gli altri, con la montagna, con se stessi, e quanta autoconoscenza, anche, in tutto questo. Questo libro lo consiglierei a chiunque. Non è un libro di montagna in senso stretto, ma un grande libro di sentimenti.

Heinrich Steinkötter

“La montagna del vecchio Heinz”

Curcu & Genovese, 2006

  ©, 2007

 

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome