Stefano Moriggi, Gianluca Nicoletti – PERCHE’ LA TECNOLOGIA CI RENDE UMANI – Comunicato Stampa

0

Stefano Moriggi, Gianluca Nicoletti

PERCHE‘ LA TECNOLOGIA CI RENDE UMANI

Sironi, 2009

COMUNICATO STAMPA

 

«Un maestro della provocazione e un filosofo della scienza dialogano sul corpo modificato da scienza e tecnologia.
La tecnologia è oggi la cifra della nostra stessa evoluzione, l’orizzonte in cui l’umano si riscrive continuamente.»

Le tecnologie estetiche, biomediche e digitali sembrano trasfigurare il corpo come mai in altre epoche: cos’è dunque diventata la carne oggi? Di quali emozioni e passioni è capace, quali diritti può ancora esercitare? Ma poi, si può ancora parlare di “umano”? Ha ancora senso distinguere tra naturale e artificiale?

Moriggi e Nicoletti – filosofo il primo, tra i pochi in Italia a non demonizzare la tecnica, e giornalista il secondo, acuto cronista del mondo virtuale – dialogano su questioni che da sempre scandiscono la storia dell’uomo, ma che oggi devono essere nuovamente decifrate.

Dalle nuove reliquie “sintetiche”, ritoccate al silicone come nel caso di Padre Pio, alle immagini digitali della salma di papa Wojtyla, dalla diffusione delle protesi fisiche e di quelle emozionali, passando per cyberbadanti, hikikomori e bambole sessuali: è proprio nelle pieghe della tecnologia che gli autori trovano la chiave per riabilitare la dimensione “carnale”, per molti destinata o condannata a trasfigurarsi in post-umano.

Umani invece resteremo sempre, ed è la tecnologia la prospettiva in cui leggere la nostra stessa evoluzione: “Siamo convinti che le tecnologie siano le più attuali e significative forme d’arte del nostro tempo e i laboratori scientifici le nuove botteghe da cui prenderà forma e vita lo stile di un’epoca, oltre che lo stesso concetto di umano.”

comunicato per gentile concessione Sironi editore

 2009

© Sironi, 2009

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome