LE GEOMETRIE DELLA PERSONALITA

0
18
Donald Winnicott

LE GEOMETRIE DELLA PERSONALITA’

L’educazione enuclea una prospettiva fenomenologia che permette all’individuo, o al gruppo umano, di sentirsi diverso da prima, affermando che il cambiamento si è realizzato. Il tema della formazione come dialettica tra varianza e invarianza, mutamento e persistenza, conservazione e innovazione, diventa un campo di studio problematico, dove l’infanzia non si esaurisce nell’adolescenza, nell’età adulta o nella vecchiaia. L’idea di età è fallace e relativa, è utile socialmente per descrivere i passaggi esistenziali umani, ma è discutibile in chiave classificatoria. Questo spiega che la questione educativa non si arresta alle prime fasi di vita, ma la teoria pedagogica deve essere generale nell’arco vitale. Rispetto al rapporto tra formazione, età e vita, i modelli sono molteplici. Il modello stadiale è classico, per cui la vita umana si svolge a fasi prefissabili aprioristicamente, attraverso la visione lineare della temporalità. La pedagogia evolutiva è tesa a identificare le modalità migliori per aiutare il passaggio da uno stadio all’altro. Il modello stadiale è intriso dell’intrinseco finalismo della tradizione occidentale. Il modello triangolare fa riferimento al triangolo per raffigurare la salita o la discesa a cui ciascuno è sociogeneticamente e psicologicamente destinato. Al decrescere della linea diminuisce la domanda formativa, per cui la società è autorizzata a ridurre le offerte formative. Il modello circolare fa riferimento alle filosofie orientali che si distaccano dall’idea finalistica, per cui la vita umana è un eterno ritorno e il processo di formazione risulta permanente e continuo. Permanente, in quanto l’uomo migliora la propria conoscenza con il perfezionamento della propria identità nel corso della vita. Il processo di formazione è ricorsivo, perché l’uomo si confronta con gli ostacoli precedenti. Il modello triangolare apporta un’idea di formazione irreversibile. Il modello circolare apporta una concezione di formazione reversibile, dove prevale la dimensione eidetica della persistenza dei processi esistenziali ed educativi. Le dimensioni eidetiche si ricollegano a Freud ed Erikson, per cui la vita umana si imbatte in dimensioni come amore, lavoro e gioco (Winnicott). Questa tridimensionalità è il tessuto della struttura della vita individuale, dove la maturità individuale evolve tramite la capacità di crescere con queste istanze vitali. Anche i teorici occidentali hanno tratto conclusioni: lo sviluppo autogenetico, quale processo che dura tutta la vita; nessun periodo d’età possiede il primato di regolare la natura dello sviluppo; in ogni momento dell’arco vitale sussistono processi continui, approfondimenti, e discontinui, arresto e reversibilità. Lo sviluppo umano può essere:

·        Continuo, prevedibile;

·        Discontinuo;

·        Causale: ogni processo causa il successivo;

·        Casuale: quando gli avvenimenti imprevisti sono fattore di rottura della continuità;

·        Cumulativo: quando i comportamenti precedenti sono incorporati nei successivi;

·        Distale o prossimale: in cui sono presenti i fatti che segnano la biografia del soggetto.

In base a ciò, non possono esistere risposte definitive per testimoniare le motivazioni per cui si è svolto il cammino formativo di un individuo.

 

Rappresentazioni 

L’identità adulta è una categoria poco esplorata storicamente e psicologicamente.

Secondo un’ottica psicologica, sussiste la necessità di identificare l’adulto con un comportamento socialmente desiderabile: l’autostima, la razionalità e l’autonomia sono immagini funzionali con cui si deve identificare l’adulto. L’educazione dell’apparire sussiste in base a come l’adulto vuole sembrare nella idealizzazione dei modelli sociali. L’età adulta è ambigua e si assegna una sorta di deontologia dell’apparenza e vive attraverso simboli che le vengono imposti. L’adulto, nella società, è imposto come immagine ideale da imitare e da sfidare.

Sussistono varie immagini di adulto che determinano corrispondenti aree di esperienza formativa:

L’adulto eroe sa dominare la morte, sa accettare prove mettendosi alla prova. Si mette in viaggio alla ricerca di un senso.

L’adulto alchimista ha imparato ad esplorare il mondo inconscio con l’alchimia e la mescolanza. E’ colui che pare simboleggiare la miscela degli elementi in conflitto eterno, e che sa e vuole regolare le forze esterne quale impresa alchemica e scientifica.

L’adulto come identificazione mandalica simboleggia il gioco delle forze dell’universo, come per i tibetani e i buddisti, con il mandala, il cerchio. Il corpo umano adulto è il testo su cui scrivere e ritrovare le forze cosmiche, perché l’essenza di tutto è il nostro corpo. Il mandala è lo strumento didattico per guidare fuori dal labirinto cosmico chi è alla ricerca del proprio disegno originario, il karma. Tale tipologia di adulto vuole organizzare le forze della mente per un’alta razionalità.

L’adulto come decisore trova vie d’uscita con un atto determinato di decisione, accetta l’inevitabilità di dover scegliere e ne vive il rischio, ammettendo l’inevitabilità della decisione.

L’adulto come gratuità ludica sa dare tregue liberatorie nello spazio ludico, che diventa zona in cui tutto è possibile, dove il gioco è un atto liberatorio, e l’adulto è colui che permette al gioco, alla simulazione, all’immaginario, di compiersi.

 

Secondo Levinson, la fase adulta è un’alternanza di periodi di costruzione e modificazione della struttura personale. La transizione da un periodo all’altro è una zona di confine tra due stadi di maggiore stabilità, in una disposizione psichica più disponibile ad esplorare le possibilità di cambiamento, avvertendo il bisogno di accelerare il processo maturativo, ricorrendo a esperienze formative.

Per Levinson, l’adultità è un sistema interno in divenire, le cui sorti sono segnate dagli impatti relazionali socialmente significativi. La teoria sociogenetica rappresenta la crescita perigenetica, perché si compie attraverso diverse ricorsività decisionali, nella varianza (disordine, disequilibrio) vero motore della crescita, in cui gli individui sono sistemi aperti a continue sollecitazioni. Lo sviluppo è un perenne processo evolutivo, contrassegnato da cambiamenti ricorsivi dovuti a ostacoli che costituiscono forti fattori di crescita, quali momenti salienti che chiedono al soggetto di decidere, di crescere, in modalità differenti rispetto al pensiero di Erikson, per cui sussistevano compiti vitali per ciascuna età.

 

 

©, 2006

Please follow and like us:
0

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here