MURSIA. LUCKY LUCIANO VISTO DA MAURO DE MAURO

0
Mauro De Mauro (Foggia, 6 settembre 1921 – Palermo, 16 settembre 1970) è stato un giornalista italiano, rapito da Cosa nostra e mai più ritrovato. Tra le varie ipotesi formulate sulle ragioni della sua sparizione figura anche quella relativa all'inchiesta sulla morte, secondo lui dovuta a omicidio e non a incidente, del presidente dell'ENI Enrico Mattei, una trama che si è intrecciata con altri affaire italiani quali il golpe Borghese. (Wikipedia)

Comunicato stampa 

MURSIA. LUCKY LUCIANO VISTO DA  MAURO DE MAURO

Con un’intervista a Tullio De Mauro sui rapporti, professionali e familiari, con il fratello giornalista ancora al centro di uno dei grandi misteri italiani.

In libreria

 

Nei primi mesi del ’58, Mauro De Mauro e Salvatore Lucania, noto a tutti come Lucky Luciano, si incontrano nella hall dell’albergo Sole a Palermo. È l’ultimo di una serie di incontri tra il giornalista misteriosamente scomparso nel settembre del 1970 mentre tornava a casa (e mai ritrovato) e il mammasantissima del crimine organizzato italo-americano.

Da quegli incontri De Mauro realizzò un lungo ritratto che pubblicò a puntate sull’Ora, costruito su colloqui diretti e su un solido lavoro di documentazione che Mursia ripropone ai lettori nella collana Inchiostri con il titolo Lucky Luciano (a cura di Elena Beninati e Beppe Benvenuto; pagg. 180, euro 13,00).

Riletti anche adesso quella serie di articoli sono una straordinaria testimonianza sulla figura di un boss che secondo il Narcotics Bureau americano è stato l’anima nera del traffico internazionale della droga ma, soprattutto, sono una dimostrazione del talento giornalistico di De Mauro che, affascinato dalla personalità criminale, offre ai lettori dell’epoca  e a quelli di oggi un ritratto che esce dagli stereotipi.

«Mauro prendeva il telefono e, senza aver scritto niente, standosene in piedi lo dettava agli stenografi interamente rifinito, virgole compre», ricorda in un’intervista pubblicata in appendice il fratello

Tullio De Mauro, noto linguista e saggista: «Ma, soprattutto, per tutti i suoi articoli partiva da una accurata raccolta e dalla studio di tutta la documentazione possibile. Lo sapevano bene anche i giornalisti del Nord che, quando calavano a Palermo, venivano a casa di mio fratello che metteva a disposizione il suo archivio di notizie e fotografie. Forse ormai solo Giorgio Bocca resta, ad multos annos, a testimoniarlo».

 

© Mursia, 2010

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome