LUCIA TILDE INGROSSO – A NOZZE COL DELITTO

0
Lucia Tilde Ingrosso (Milano, 27 gennaio 1968) è una giornalista e scrittrice italiana. Nasce a Milano, ma presto si trasferisce con la sua famiglia prima a Perugia, poi a Cortona, dove passa la sua giovinezza e si diploma presso il Liceo classico Luca Signorelli. Torna a Milano per studiare all'Università commerciale Luigi Bocconi dove si laurea in Economia aziendale con una tesi sul marketing librario. Dal 2001 è giornalista professionista. Lavora nella redazione del mensile Millionaire. (Wikipedia)

LUCIA TILDE INGROSSO

“A NOZZE COL DELITTO”

romanzo

Kowalski, 2007

 

In una Milano afosa di luglio, che ci ricorda le migliori pagine di Renato Olivieri, se non di uno Scerbanenco, lucido, disincantato e amante della sua città (anche se di adozione), Lucia Tilde Ingrosso ambienta magistralmente la sua inchiesta poliziesca. L’Ispettore Rizzo è sulle tracce di un delitto che ha colpito la Milano che conta, quella che, negli anni’80, avremmo chiamato “La Milano da bere”, un delitto che lascia allibito il bel mondo degli avvocati di grido, degli attici di lusso in vie esclusive, di famiglie nelle quali il decoro e il nome della casata contano più della sostanza. E la “sostanza”, in questo caso, come in altri celebri casi di cronaca reale, nasconde orribili scheletri nell’armadio, brutture che abili e protratti camuffamenti agli occhi della società hanno nascosto per anni, all’interno di famiglie “insospettabili”. Ma Rizzo sa bene che le differenze di censo, e di conto in banca, fanno la differenza anche agli occhi di chi ci dovrebbe giudicare, non per ciò che rappresentiamo, ma per ciò che siamo, per cui parte già col piede di guerra, amareggiato dalla sua condizione di dipendente statale, sua come di tanti altri che fanno il lavoro sporco al posto di certi altolocati “fighettini” che finiscono per avere pappa pronta e onori solo perché si portano il nome di loro padre. Le indagini di Rizzo sono lente, magmatiche, procedono con precisione, determinazione verso l’obiettivo, e esprimono la dura convinzione che niente, in quella famiglia, è come vorrebbe apparire. C’è del marcio. E il marcio lo troverà. La pentola verrà finalmente scoperchiata. Nel governare il timone della narrazione, la Ingrosso dimostra la calma sicura, fiera di un Simenon, che non si fa sviare da dettagli insignificanti e, se lo fa, è sempre per ricondurre il lettore sul filo di una narrazione nella quale, alla fine, capirà che nulla è stato scritto a caso.

Si potrebbe dire molto, su un libro come questo, e ci sto provando, sull’onda dell’entusiasmo che mi ha accompagnato nella lettura. Ciò che mi ha affascinato, è una scrittura che, dopo tanto tempo, ci riporta alla tradizione del vero poliziesco, senza più gli orpelli, volutamente, e così inautenticamente fascinosi, alla Montalbán. Un libro, quindi, finalmente semplice, che ci dice quello che vuole dire senza ricorrere a inutili sofismi, sincero e diretto, che punta al contenuto più che allo stile, senza nulla eccepire allo stile, comunque, che è di livello piuttosto alto, assolutamente sobrio.

C’era, per concludere, bisogno di questo libro, un testo che abbiamo la speranza possa far risorgere la passione per l’indagine, per il prezioso approfondimento psicologico dei personaggi, dopo troppi, brutti anni dominati da pulp e noir – troppi noir – scadenti.

 

©, 2007

 

 

questa pagina contiene alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito.

Please follow and like us:
error0

Leggi o lascia un commento (i commenti potrebbero contenere alcuni collegamenti esterni il cui contenuto informazioneecultura.it ha verificato solo al momento del loro inserimento; informazioneecultura.it non garantisce in alcun modo sulla qualità di tali collegamenti, qualora il loro contenuto fosse modificato in seguito)

Commenta
Inserisci il tuo nome