Cynthia Ozick – Il messia di Stoccolma

0
20

Cynthia Ozick – Il messia di Stoccolma

Un libro dai toni chiaroscurali. Una redazione dove le tavole del pavimento scricchiolano sotto i passi affrettati di un gruppo di giornalisti che cercano di fare andare avanti una testata che si è ritagliata una dignitosa fetta di pubblico.

Le ansie, le fobie, le solitudini di un oscuro giornalista, che scrive recensioni di libri oscuri, libri che nessuno conosce o mai leggerà, libri che hanno lo stesso destino di poca celebrità e visibilità di chi li recensisce. La sua rubrica è relegata in una nicchia poco frequentata dai lettori del giornale; su questo strano personaggio, al limite della psicopatologia, si addensano le luci e le ombre, i contrasti più drammatici e interessanti della vicenda. L’ambientazione nordica ben si addice a psicologizzare il paesaggio, in una chiave interiore e quasi lugubre, in un mondo che talora viene attraversato dalla luce, come da una lama tagliente, che rivela il nascosto.


©, 2011

Condividi l'articolo sui social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here