Reinhold Messner – Due e un Ottomila

0
5

Reinhold Messner

“Due e un Ottomila”

Dall’Oglio, 1975

Libro molto formativo per chi si avvicini per la prima volta alla letteratura alpinistica. Erano gli anni delle grandi spedizioni extraeuropee. Quelle narrate da Messner in questo libro furono memorabili. La prima, è una spedizione molto pesante, nazionale, al Lhotse, che vede un nutrito gruppo di alpinisti di punta italiani tentare questo temibile ottomila, con ripetute devastazioni del campo base a causa di micidiali slavine e rinunce da parte dei partecipanti. Abili le descrizioni di Messner nel tratteggiare la drammaticità degli eventi, e la dura sconfitta psicologica di un suo amico. La seconda delle spedizioni descritte, è quella di due soli alpinisti, Reinhold Messner e Peter Habeler sull’Hidden Peak, un 8000 affrontato in stile alpino, cosa molto innovativa e coraggiosa per il periodo storico in cui il brillante successo si realizzò.

Messner si dimostra, in questo libro, ottimo narratore e intrattenitore, oltre che profondo psicologo e conoscitore dell’animo umano. Un libro che apre, il suo, gli orizzonti dell’alpinismo, a chi si appresti a conoscere le varie sfaccettature tecniche e le differenze che intercorrono fra lo scalare una cima alpina o un 8000.

©, 2003

Condividi l'articolo sui social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here