Robert Chalmers – FUGA NEL NIENTE

0
15

Robert Chalmers

“FUGA NEL NIENTE”

ISBN, 2005

 

Una fuga dal nulla, per fare il giro del mondo e trovare se stesso, a costo di perdere tutte le prerogative di una vita di successo, basata sul cinismo e il poco rispetto degli altri. Chalmers ci mette a contatto, con tono pacato, incalzante, anche se forse eccessivamente descrittivo, con la vita interiore di un manager, che decide di buttare alle ortiche tutto quello che possiede, colto da un insight, da un raptus distruttivo che tanta altra grande letteratura ha in passato celebrato, vedasi Lo Straniero di Camus e I Sotterranei del Vaticano, di Gide. Lo stile di questo scrittore richiama la tradizione anglosassone, forse un Dickens, non di certo Wilde, anche se a volte lo soccorre lo humor, un po’ troppo tetro per essere paragonato a quello di Oscar, ma più vicino al Rancid Alluminium di James Hawes. Il razzismo del protagonista è basato su un pensiero piatto e poco intelligente, su preconcetti abbastanza stupidi, che ne fanno una macchietta noir pienamente riuscita. Le tappe di questo viaggio nel nulla si avvicendano con ampie e notturne descrizioni di città, e di personaggi improbabili che ricordano Irwin Shaw in Lavoro di Notte. Un libro da leggere, anche se a piccole dosi giornaliere.

©, 2006

Robert Chalmers

NOTHING IN THE ESCAPE

ISBN, 2005

An escape from nowhere, to go around the world and find himself, at the cost of losing all the prerogatives of a successful life, based on cynicism and disrespect of others. Chalmers puts us in contact with said quietly, pressing, though perhaps too descriptive, with the inner life of a manager who decides to throw to the winds all that he has, struck by an insight, a lot of other great destructive rampage literature in the past has held, see Camus’ the Stranger and the Underground Vatican, Gide. The style of this writer calls the Anglo-Saxon tradition, perhaps, Dickens, Wilde certainly not, although sometimes his aid humor, a little too grim to be compared to Oscar, but closer to Rancid Aluminium by James Hawes . Racism is based on a protagonist’s thoughts flat and dull, stupid enough to bias, making it a highly successful clown noir. The stages of this journey into nothingness and night alternate with extensive descriptions of cities, and characters reminiscent of Irwin Shaw’s unlikely to work at night. A book to read, even if in small doses daily.

automatic translation

Condividi l'articolo sui social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here